Fondi Paritetici Interprofessionali: a che servono e vantaggi imprese

Fondi paritetici interprofessionali

Nel focus “I Fondi paritetici interprofessionali ai tempi del Covid”, che deriva dalle azioni di controllo sulle attività dei Fondi paritetici interprofessionali svolte da Anpal, emerge che i Fondi per la formazione hanno un ruolo chiave nel rafforzare il processo di ammodernamento delle imprese italiane. L’attività formativa, pur se con riduzioni e rallentamenti, non si è fermata durante la pandemia, e sta continuando con forza anche in questo periodo post pandemico.

Fondi paritetici interprofessionali: cosa sono

I fondi interprofessionali costituiscono un’opportunità di crescita per tutte le imprese che vogliono puntare sulla formazione e l’aggiornamento delle competenze dei propri dipendenti. Questi Fondi sono organismi di natura associativa, promossi dalle organizzazioni sindacali, che hanno lo scopo di promuovere attività di formazione continua per i dipendenti delle aziende. I datori di lavoro possono coinvolgere i dipendenti in percorsi di formazione.

L’adesione ai Fondi non comporta alcun costo per le imprese, che potranno aderire o rinunciarvi in qualsiasi momento. I finanziamenti intervengono attraverso due principali modalità, utilizzabili dalle aziende o dagli operatori della formazione per la presentazione dei Piani Formativi: il Conto Formazione e l’Avviso.

Con il Conto Formazione, ogni singola azienda accantona una quota (generalmente sino all’80%) dei propri versamenti 0,30%, da utilizzare per la presentazione, anche in autonomia, di Piani Formativi aziendali o interaziendali.
L’Avviso opera secondo una logica mutualistica, e consente anche alle piccole imprese di accedere a iniziative di formazione altrimenti difficilmente finanziabili – a causa dell’esiguità delle proprie risorse accantonate – con il Conto Formazione.
L’operato dei Fondi interprofessionali è dettato dal rispetto del principio di trasparenza ed è vigilato, tra gli altri soggetti, dall’Agenzia Nazionale delle Politiche Attive del Lavoro.

I vantaggi di aderire ai Fondi interprofessionali sono quindi molteplici: accrescimento della competitività dell’impresa, riduzione dei costi aziendali sostenuti per la formazione, soddisfazione delle proprie esigenze formative, recupero dello 0.3% del contributo INPS già versato per ogni dipendente e nuovi sbocchi nel mercato attraverso l’incremento del know-how aziendale.

La formazione riveste quindi, oggi più che mai, un ruolo determinante e centrale: i percorsi formativi sono un motore di cambiamenti nell’attività lavorativa, per i modelli di business e le mansioni, abilitando il personale a operare nelle nuove condizioni di contesto. In quest’ottica, i percorsi formativi si caratterizzano per essere complementari a strategie d’investimento e innovazione, indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda, anzi: le evidenze raccolte mostrano come le imprese più piccole siano quelle in cui la diffusione di conoscenze e skills è evidentemente favorita dal minor numero di dipendenti.

Cosa facciamo per te

Forma-Tec, società di consulenza specializzata nell’individuare e promuovere strumenti rivolti a favorire la competitività delle imprese e lo sviluppo delle risorse umane, è lieta di presentare le opportunità attualmente offerte da Fondimpresa, utili a finanziare la formazione dei dipendenti, in organico o da assumere, per l’acquisizione delle competenze professionali necessarie allo sviluppo aziendale. Grazie al supporto di Forma-Tec, vi è la possibilità di aderire ai Fondi interprofessionali e cucire su misura un piano formativo che possa portare enormi vantaggi alle aziende che vi aderiscono.

Non esitare a contattarci.